Nell’autunno del 2015 Louis Vuitton ha organizzato Louis Vuitton Series 3, un fortunato tentativo di proporre un modo alternativo per lanciare una nuova collezione. Con un’esposizione artistica ospitata a Londra fra settembre e ottobre, il brand parigino ha saputo offrire un’esperienza multisensoriale capace di aggiungere valenza comunicativa agli abiti presentati.

#buyfilmnotmegapixels #staypoorshootfilm #louisvuittonseries3 #olympusmjuii

Un post condiviso da JH – WAA Team (@unitedwefell) in data:

La cornice è stata quella di 180 The Strand, uno spazio espositivo che negli ultimi anni si è ritagliato uno spazio di primo ordine nella scena culturale della capitale britannica. Qui Louis Vuitton ha coniugato la bellezza dei capi nati dalla creatività di Nicolas Ghesquière con elementi artistici che si sono presentati come un elogio della semplicità.

@louisvuitton #LVseries3 #exhibition. #lvseries3exhibition #louisvuitton #fashion #nyfw #lfw #bbcbritain

Un post condiviso da Images by Ian Bartlett (@bartlettville) in data:

L’ARTE DELLA TRANQUILLITÀ

Opere di video arte, sculture, giochi di luce e ambienti hanno dato forma a uno spazio ideale per focalizzare l’attenzione dei visitatori verso i capi e accessori audaci proposti dalla maison, veri protagonisti dell’evento. Il bianco puro degli ambienti del 180 è stato amplificato da sculture / manichini dalle pose e espressioni distaccate e affascinanti. Le proiezioni sull’ambiente hanno giocato con il logo Louis Vuitton e un breve corridoio nero ha dato ai partecipanti l’impressione di poter indagare dall’interno la purezza di quegli spazi capaci di emanare calma e tranquillità.

@louisvuitton #LVseries3 #exhibition. #lvseries3exhibition #louisvuitton #fashion #nyfw #lfw #emptyLVseries3 #WHPpatterns

Un post condiviso da Images by Ian Bartlett (@bartlettville) in data:

In Louis Vuitton Series 3 vediamo un esempio della crescente tendenza a ricreare ambienti calmi, vere e proprie camere di decompressione per i ritmi frenetici imposti dal ventunesimo secolo.

Un trend che il team di Ricerca e Sviluppo di Ceramiche Caesar ha scandagliato nel Cross Design Magazine 2016/2017, attraverso lo studio su Peaceful.

Le piastrelle della collezione Layers sono il frutto di questa ispirazione: lastre di design ceramico contraddistinte da una purezza superficiale che, a un secondo sguardo, si rivela come il frutto di un complesso intreccio di strati, texture e materiali di ispirazione. L’essenzialità delle superfici è dunque il paradossale risultato di una ricerca stilistica e progettuale resa manifesta dai decori della collezione, che danno rilievo ai materiali ai quali si ispira la collezione.